Dopo l’incendio del 10 settembre nel campo di Moria, ci sono state poche novità ma soprattutto poche soluzioni.
L’isola di Lesbo: simbolo delle più terrificanti catastrofi umanitarie della nostra epoca, in cui a pagarne le conseguenze più forti sono i più piccoli non è cambiata.