Attività educative

Laboratorio di cittadinanza attiva al Liceo A. Spinelli di Torino

I giovani sono spesso spettatori inconsapevoli di campagne mediatiche che distorcono i fatti, inclusi quelli riguardanti il fenomeno migratorio: da qui nasce il proposito di consentire ai ragazzi di poter esprimere il proprio punto di vista sul tema. Attraverso sistemi di didattica non frontale, prendendo in prestito elementi della peer education e della gamification, abbiamo realizzato il progetto svoltosi per due anni nelle classi prime del Liceo A. Spinelli di Torino. Il progetto si sviluppa ripercorrendo i temi e le distorsioni dell’accoglienza in Europa, attraverso le norme di diritto umanitario e le azioni di integrazione ed accoglienza che Il Pulmino Verde ha incontrato nelle sue esperienze, in Italia e all’estero.

Il progetto è stato realizzato nell’ambito della VII edizione del bando “Un calcio al razzismo”, realizzato dallo Juventus Football Club in collaborazione con il Centro Unesco di Torino, il cui scopo è promuovere la lotta contro le discriminazioni ed il razzismo.

Per saperne di più:

In Classe col Pulmino

I minori stranieri non accompagnati (MSNA) vivono una condizione estremamente delicata: si trovano in un Paese diverso dal proprio, del quale non conoscono la lingua e nel quale svilupperanno un percorso di crescita.

La “Legge Zampa” sui minori non accompagnati prevede un iter di riconoscimento del minore. Una volta compiuto, bambini e ragazzi vengono accolti in strutture di prima accoglienza ad hoc per poi essere trasferiti in strutture di accoglienza e integrazione, in cui riceveranno aiuto e supporto dedicati e specifici.  Questo avviene attraverso la mediazione linguistico-culturale e l’inserimento scolastico; l’orientamento e l’accompagnamento all’inserimento lavorativo, abitativo e sociale; l’accesso ai servizi territoriali; l’accompagnamento legale; la tutela psico-socio-sanitaria; l’erogazione di un pocket money.

“In Classe col Pulmino” nasce alla fine del 2021 come progetto pilota, destinato ai minori stranieri non accompagnati appena giunti in Italia. L’obiettivo è quello di offrire ai ragazzi uno spazio di socialità e un’opportunità, supplementare al contesto più formale dell’istituzione scolastica, per dedicarsi all’apprendimento della lingua italiana partendo dalle basi. Il percorso didattico, prestando attenzione al livello di competenze dei singoli, prevede anche dei piccoli elementi di educazione civica.

Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Ufficio Minori Stranieri del Comune di Torino e si tiene presso il Centro Studi Sereno Regis.

Per saperne di più: