Vision

In un mondo globalizzato e in movimento, crediamo che spostarsi sia un diritto di tutte e tutti e non un privilegio di chi è nata e nato nella “parte giusta” del pianeta.

Luoghi cruciali di questo movimento sono i confini, dove si affermano le identità di chi li attraversa. Per alcuni è più facile attraversarli, per altri è più difficile. Le nostre attività di aiuto e testimonianza si concentrano su questi ultimi: le persone in movimento che, per attraversare le frontiere, devono diventare invisibili. Ciò accade nei boschi dei Balcani e nelle acque del Mediterraneo.

Crediamo in un mondo in cui il diritto a spostarsi sia tutelato e garantitoPer questo ci rechiamo nei luoghi di confine per prestare aiuto in loco e, al ritorno, raccontiamo quel che accade in questi luoghi cercando di stimolare la cittadinanza attiva.

Mission

Partendo da questa visione, la mission associativa si sviluppa in:

Territorialità

La città di Torino rappresenta il punto da cui partono tutte le attività. Perciò ci impegniamo a coltivare un rapporto con i suoi territori e con la società torinese, sviluppando un rapporto con la rete sociale attraverso incontri, partnership ed eventi insieme ad altre realtà.

Frontiere

Partendo da Torino, i nostri viaggi ci portando verso i territori di confine. Abbiamo ripercorso a ritroso la Rotta balcanica, ci siamo recati a Idomeni, lungo il confine bosniaco-croato e lungo il confine italo-francese a Ventimiglia, a Bardonecchia e ad Oulx. In questi luoghi abbiamo prestato aiuto, portato donazioni e rizzato le orecchie e aguzzato la vista, per documentare e testimoniare quanto visto e udito una volta tornati alla base. 

L’attività di documentazione e di denuncia permette di sviluppare azioni di:

Divulgazione

Tornati alla base ci impegniamo a raccontare e a denunciare quanto accade lungo i confini. Come?

Dal vivo in occasione di eventi organizzati da noi e non solo; online, attraverso i canali social (Facebook e su Instagram) e il sito web.

Cittadinanza attiva

Che sia in contesti scolastici o in contesti meno istituzionali, cerchiamo di favorire la cittadinanza attiva, soprattutto fra i giovani. Lo facciamo attraverso azioni di sensibilizzazione e informazione, volte ad aumentare la comprensione e la consapevolezza delle dinamiche che spingono le persone a mettersi in movimento.